CONDIVIDI
drone subacqueo costo

Siamo abituati a vedere droni volanti passare sopra le nostre teste. Ma non avremmo mai pensato che solcassero anche i nostri mari.

Ebbene sì, in Italia e nel mondo stanno ormai spopolando progetti per la costruzione di sofisticati robot marini, in grado di raggiungere fondali inesplorati e di documentare, con telecamere e sensori, cosa accade nell’ambiente sommerso.

In questo modo è possibile constatare lo stato di relitti affondati, o trovare testimonianze di antiche civiltà. drone subacqueo costo

Attraverso alcuni rover marini telecomandati della Marina Militare, infatti, è stato possibile rintracciare il sommergibile Guglielmotti, affondato durante la Prima Guerra Mondiale a largo dell’isola di Capraia.

drone subacqueo costo

Il CNR, poi, li ha usati per misurare i parametri ambientali sottomarini nelle isole Svalbard nell’Artico norvegese.

I dettagli drone subacqueo costo

Innovazioni che saranno presentate al “Sea Drone Tech Summit 2018“, il primo congresso in Italia dedicato ai droni e ai robot per impiego marino e subacqueo, che si terrà il 16 e il 17 novembre a Gallipoli, in provincia di Lecce.

Queste macchine stanno rivoluzionando le ricerche negli abissi marini e oceanici – sottolinea l’organizzatore Luciano Castro.

Basti pensare che solo l’Italia possiede oltre 7mila chilometri di coste e oltre mille siti archeologici sommersi conosciuti.

Un patrimonio che andrà esplorato, studiato e tutelato anche grazie a droni e robot capaci di immergersi ed operare a lungo a profondità inaccessibili all’uomo“.

Le finalità

L’impiego in mare di sistemi autonomi o teleguidati è utile se il fine è, ad esempio, il controllo di tubature o strutture sottomarine, il monitoraggio dell’ecosistema sommerso, la mappatura dettagliata delle aree portuali e dei fondali, o l’esplorazione di siti archeologici.

drone subacqueo costo

Non è escluso, inoltre, che questi droni subacquei vengano impiegati nel settore della sicurezza e del soccorso, per fornire dati in caso di naufragi, o in campo militare.

E ancora: l’inquinamento dei fiumi, le verifiche strutturali delle dighe e le perdite all’interno di grandi tubature sotterranee per la distribuzione dell’acqua.

Al nostro evento parteciperanno i maggiori esperti italiani in questo settore.

Tra questi i rappresentanti di Forze Armate, Corpi Armati dello Stato, Università, ENEA, CNR e anche molte aziende specializzate – continua Castro.

Sarà un vero e proprio summit nazionale, che consentirà di fare il punto su questa nuova tecnologia, di creare nuove partnership.

E di dare visibilità ad un comparto tecnologico d’eccellenza finora poco conosciuto dalla collettività“.

L’evento

Il “Sea Drone Tech Summit 2018” è promosso dall’associazione Ifimedia, ed organizzato dalla società Mediarkè, in collaborazione con Roma Drone Campus.

Sarà, inoltre, patrocinato dai ministeri della Difesa e dello Sviluppo Economico, dalla Regione Puglia, dal Comune di Gallipoli, dal CNR, da ENEA, dall’Università del Salento e da Link Campus University.

Venerdì 16 novembre è prevista una cerimonia inaugurale con la presenza di istituzioni locali e nazionali, a cui seguiranno tre sessioni.

La prima dedicata a droni e robot sottomarini, la seconda ai droni navali di superficie, e la terza ai droni aerei per impieghi marini.

Vi saranno anche dimostrazioni operative dei vari mezzi in vasca e in mare, in particolare sabato 17 presso il Circolo della Vela di Gallipoli.

Curiosi di saperne di più? Seguiteci su Men’s Enjoy!

drone subacqueo costo drone subacqueo costo drone subacqueo costo

LASCIA UN COMMENTO