Assassin’s Creed è sessista? Assassin creed Ubisoft sessista

Un nuovo report focalizzato sugli abusi e il sessismo interni ad Ubisoft ha svelato che la compagnia avrebbe ridotto al minimo, o eliminato. del tutto, alcuni ruoli femminili nella serie Assassin’s Creed, perché con delle protagoniste donne i giochi avrebbero venduto di meno. In un ampio. report di Bloomberg – in gran parte focalizzato sui dirigenti dell’azienda – i dipendenti anonimi di Ubisoft spiegano che Assassin’s Creed SyndicateOrigins e Odyssey sono stati tutti pesantemente colpiti da queste decisioni prima del lancio.Assassin creed Ubisoft sessista

Secondo quanto riferito, la sceneggiatura di Syndicate originariamente. dava lo stesso tempo sulla scena a. Jacob ed Evie Frye, ma in seguito sono state. apportate modifiche per includere più scene di Jacob. Il piano originale per Origins era di mostrare il personaggio principale Bayek ferito, o ucciso, all’inizio del gioco, con sua moglie Aya che diventava così l’eroe dopo quell’evento. Questo è stato impedito e Aya è diventata un personaggio secondario. Il team di Odyssey aveva originariamente puntato su Kassandra come unico personaggio principale, ma agli sviluppatori è stato detto che questa non poteva essere un’opzione e quindi sono stati costretti a scegliere Alexios.

Cambio sesso su “Assassin’s Creed: Valhalla”

Gli sviluppatori anonimi che hanno. segnalato queste modifiche hanno spiegato che gli ordini arrivavano. dal dipartimento marketing. o dal Chief Creative Officer Serge Hascoët – che da allora si è dimesso dal. suo ruolo a seguito. delle molteplici segnalazioni di cattiva condotta e. abuso sessuale Il prossimo Assassin’s Creed Valhalla include un personaggio principale chiamato Eivor, che potrà essere sia maschio che femmina (e il cui genere potrà essere scambiato in qualsiasi momento). Ubisoft è stato scosso. dalle continue accuse di una cultura del lavoro tossica in molti dei suoi studi. Dopo che il CEO Yves Guillemot ha promesso di seguire. personalmente la situazione, diversi dirigenti si sono dimessi o sono stati licenziati.

Assassin creed Ubisoft sessista

“La donna non vende”

l team è stato oggetto di un rimpasto nel 2019 dopo i flop di The Division 2 e Ghost Recon Breakpoint, mentre Hascoet, autore delle condotte più spregevoli di questa nuova ondata di #metoo nel gaming, è stato finalmente rimosso dal suo incarico di recente.

Come spiega Schreier dopo aver sentito. molteplici dipendenti di Ubisoft attuali. o passati, in Assassin’s Creed Syndicate «una prima versione della sceneggiatura dava screen time uguale ai due protagonisti gemelli, Jacob ed Evie» ma «alla fine Jacob ha dominato il gioco».

«Assassin’s Creed Origins, uscito nel 2017, aveva in origine l’eroe maschile Bayek infortunato o ucciso all’inizio della storia e dava al giocatore il controllo di sua moglie, Aya»

«Ma il ruolo di Aya si è ridotto gradualmente lungo il corso dello sviluppo e Bayek è diventato la figura principale», ha aggiunto Schreier.

Infine, su Assassin’s Creed Odyssey«il team aveva proposto di rendere la sorella [Kassandra] il solo personaggio giocabile […] fino a quando gli fu detto che questo non era un’opzione. Il prodotto finale dà ai giocatori la scelta tra i due personaggi», incluso il fratello Alexios.

«Tutte le direttive sono arrivate dal dipartimento. marketing di Ubisoft o da Hascoet, con entrambi che hanno suggerito che le protagoniste femminili non vendono, dicono gli sviluppatori».

Assassin creed Ubisoft sessista

 

 

 

Continuate a seguirci su Men’s Enjoy

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui