Matera, altrimenti denominata “la città dei sassi”, diverrà Capitale della Cultura europea nel 2019. La scelta è stata designata dall’Unione Europea, che ha aggiornato la lista delle Capitali fino al 2022. Un riconoscimento importante per la città, che riesce a spuntarla su altre città del Bel Paese, come Siena e Perugia. Matera capitale cultura Matera capitale cultura

BoostGrammer

Matera, con i suoi famigerati sassi e il suo stile romanico e barocco insieme, è stata riconosciuta dall’Unesco nel 1993 Patrimonio Mondiale dell’Umanità.

Vediamo nel dettaglio quali sono gli elementi più affascinanti e curiosi di questa terra così fervente di cultura.

 

CHIESE E LUOGHI DI INTERESSE

Matera capitale culturaI luoghi di interesse più importanti a Matera sono certamente i cosiddetti “sassi”. Si tratta delle fondamenta che costituiscono il centro storico della città. Attraverso delle spelonche risalenti al Periodo del Neolitico, i sassi sono riusciti a suddividere la città in due sezioni: il sasso Barisiano prolunga la strada da nord-ovest, mentre il sasso Caveoso prosegue verso sud. In entrambi i casi, i sassi hanno consentito la formazione di assi viari in epoca medievale. Su di essi, nel corso del tempo, sono sorte Chiese e altri monumenti di pregio.

La più imponente è la Cattedrale di Matera, costruita nella parte più alta della spelonca inframezzata dai due sassi. Un altro edificio di culto importante è Chiesa di San Giovanni Battista, anch’essa in stile romanico. Matera capitale cultura

Per quanto riguarda la parte barocca della città, la Chiesa di San Francesco D’Assisi ne è l’esempio lampante, visibile nell’articolazione della facciata.

Altri luoghi di interesse a Matera sono gli edifici civili, costruiti per lo più in epoca moderna e contemporanea. Il Palazzo Lanfranchi, ad esempio, è uno di questi. Edificato nel XVII secolo, ospita il Museo nazionale di Arte Medievale e Moderna e gli uffici della Soprintendenza della Basilicata. Da non perdere è la Fontana Ferdinandea, costruita nella prima metà dell’Ottocento. A seguito della Seconda Guerra Mondiale, viene trasferita nella Villa Comunale. A tal proposito a Matera non mancano le aree “green”: famosi sono il Parco della Murgia Materana e la Riserva regionale di San Giuliano, limitrofa al fiume Bradano. Matera capitale cultura Matera capitale cultura

 

LE MASSERIE DI LUSSO

Matera capitale culturaSe la vostra intenzione è quella di soggiornare a Matera, potete alloggiare nelle masserie costruite ad hoc. Una fra le più lussuose è la Masseria Fortificata di San Francesco. Inizialmente fu edificata attorno a un’area di difesa, dalla quale era possibile scorgere l’intera valle del Bradano. Successivamente, la struttura è diventata una delle più antiche masserie del mondo. È livellata su due aree, una più storica e l’altra più moderna, completa di piscina. Anche le suite profumano di arte e di storia, come la Deluxe Corte. Dall’arredamento minimalista ed elegante, è resa funzionale grazie all’aggiunta del bagno turco.

Altrettanto elegante e raffinata è la Masseria Torre Spagnola, costruita nel Seicento. Anche questa Masseria era un antico edificio fortificato, con la presenza di archi e volte delimitanti gli spazi.  L’arredamento delle stanze appare talmente immerso nel passato che sembra di essere catapultati in un’altra epoca.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui