CONDIVIDI
UEFA indagine Buffon

Doppio procedimento disciplinare nei confronti del portiere per quanto successo nel finale e dopo la sfida di Madrid. Il 31 maggio la discussione.

La Uefa ha aperto due procedimenti disciplinari nei confronti del portiere e capitano della Juventus, Gigi Buffon, in merito a quanto accaduto durante e nel post partita del ritorno dei quarti di finale di Champions League contro il Real Madrid.

UEFA indagine Buffon

Il primo riguarda il cartellino rosso per proteste rimediato in occasione del rigore concesso ai blancos, il secondo per la condotta assunta nel post-gara, dove ha duramente attaccato l’arbitro inglese della partita, Michael Oliver. La commissione disciplinare della Federcalcio europea discuterà il caso il prossimo 31 maggio.

Pertanto, Gianluigi Buffon è accusato di aver contravvenuto ai «generali principi di buona condotta».

Le dichiarazioni post- gara

Ad un mese esatto dalla discussa sfida di Champions League fra la Vecchia Signora e il Real Madrid al Santiago Bernabeu, match valido per il ritorno dei quarti di finale (vittoria 3 a 1 per la Juve), la Federazione Europea ha deciso di intervenire per cercare di fare chiarezza.

Il primo procedimento, come riportato dall’edizione online di Tuttosport, riguarda il cartellino rosso ricevuto da Buffon dopo le proteste reiterate nei confronti del direttore di gara, l’inglese Oliver, per il calcio di rigore assegnato nei minuti finali alle Merengues.

UEFA indagine Buffon

Pertanto, Buffon, a caldo, aveva accusato l’arbitro di essere “insensibile” e di avere “un bidone della spazzatura al posto del cuore. Un essere umano – aveva detto il portiere – non può decretare l’uscita di scena di una squadra per un episodio stradubbio. Se uno non ha la personalità, se ne stia in tribuna con moglie e figli a mangiare le patatine. Ma non si può rovinare una partita epica perché non si ha la personalità adatta al compito”.

Dunque, il primo procedimento, come riportato dall’edizione online di Tuttosport, riguarda il cartellino rosso ricevuto da Buffon dopo le proteste reiterate nei confronti del direttore di gara, l’inglese Oliver, per il calcio di rigore assegnato nei minuti finali alle Merengues.
Invece, il secondo riguarda la violazione dei principi generali di comportamento dello stesso portiere.

La decisione della commissione disciplinare dell’Uefa

La decisione avverrà solamente il prossimo 31 maggio, dopo che si riunirà la commissione disciplinare dell’Uefa. Riavvolgendo il tempo di un mese, la Juventus sfiorò la storica impresa a Madrid, e solo nei secondi finale vide strozzarsi in gola l’urlo di gioia, per un discutibile calcio di rigore assegnato ai campioni d’Europa dopo contatto in area fra Benatia e Vazquez.

Voi cosa ne pensate? Sarebbe giusto un provvedimento contro Buffon? Dite la vostra e continuate a seguirci su Men’s Enjoy.

UEFA indagine Buffon

UEFA indagine Buffon UEFA indagine Buffon UEFA indagine Buffon

LASCIA UN COMMENTO