Basta allenarsi in casa, affidandosi alla prima app che capita tra le mani! Dal 25 maggio, le palestre hanno ripreso ufficialmente le attività. Ma seguendo scrupolose norme, per contrastare il rischio di contagio da Coronavirus. autocertificazione palestra

Le regole autocertificazione palestra

Nei centri di fitness e in piscina si va già vestiti, e il phon è bandito. Prediletta, poi, doccia con acqua e sapone prima di entrare in acqua, e sette metri quadrati per persona in vasca.

autocertificazione palestra

In palestra, invece, è obbligatorio restare distanti dagli altri almeno due metri. Non solo. Le linee guida varate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ufficio per lo sport prevedono un uso promiscuo degli spogliatoi, così come degli armadietti, e postazioni alternate o separate da barriere.

I propri oggetti vanno riposti nella borsa personale. Insomma, stavolta non avete proprio modo di dimenticare costumi, tute, accappatoi e asciugamani sulle panche e negli spazi condivisi.

Un altro mondo

Certo, fare attività fisica non è immediato come un tempo, se si considera che l’accesso a palestre e piscine è garantito per prenotazione.

E se prima il sudore la faceva da padrone, adesso la moda sarà lavarsi frequentemente le mani, usando gel disinfettanti posti nei dispenser all’interno degli impianti sportivi.

autocertificazione palestra

Ognuno beve dalla propria borraccia. Guai, poi, a utilizzare smartphone o attrezzi già maneggiati da altri!

Vietato anche toccarsi occhi, naso e bocca con le mani, mentre in caso di tosse e starnuti, è preferibile ricorrere a un fazzoletto che dev’essere gettato in appositi contenitori ben sigillati.

Nei locali chiusi e ad alta densità di persone, inoltre, bisogna garantire il ricambio dell’aria tramite, ad esempio, purificatori dotati di filtri Hepa, che diminuiscono la quantità di aerosol.

Sanificazione ad ogni cambio turno. E nelle piscine i parametri del cloro andranno controllati ogni due ore.

Inutile dire che, se avete febbre sopra i 37.5 gradi e sintomi respiratori, è doveroso restare a casa.

Sembra uno stress vero e proprio allenarsi prestando attenzione a tutte queste precauzioni. Ma sempre meglio che restare a casa, patire il caldo dei mesi estivi, senza nessuno che ci segua adeguatamente.

Siete d’accordo? Diteci la vostra con un commento, e continuate a seguirci su Men’s Enjoy!

autocertificazione palestra autocertificazione palestra autocertificazione palestra

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui