Coronavirus, prevenire il contagio nelle palestre? Coronavirus palestra prevenzione

Tra le varie disposizioni emanate dal governo per contrastare la diffusione del virus COVID-19 vi è anche quella della chiusura delle palestre. La nota catena fitness Virgin Active, che ha 38 centri in tutta Italia, ha sospeso le attività nel Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria ed Emilia-Romagna e sta mettendo in atto i protocolli di sanificazione di tutti i locali accessibili alla propria clientela in linea con quanto consigliato dal ministero della Salute. Ma nelle altre regioni, in molti si chiedono se continuare ad allenarsi sia una buona idea e quali possono essere i rischi di un eventuale contagio se si frequenta un circolo sportivo o un centro fitness con tanti iscritti. In un’intervista a RepubblicaClaudio Mastroianni, vice-presidente della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (Simit) e ordinario di malattie infettive alla Sapienza di Roma, fa chiarezza sui rischi e spiega quali sono le precauzioni da prendere.Coronavirus palestra prevenzione
 

BoostGrammer

Coronavirus palestra prevenzione

I consigli del dottor. Claudio Mastroianni

Andando in palestra c’è il rischio di contagio da Coronavirus?

Assolutamente no se si tratta di palestre al di fuori delle zone interessate ora dai casi di infezione. L’unico problema delle palestre è che sono luoghi chiusi e frequentati da molte persone che vi ‘stazionano’ a volte per tante ore e non per pochi minuti. Per il resto, valgono le regole di sempre e cioè lavarsi bene le mani, evitare di bere dalla stessa borraccia e utilizzare sempre bicchieri monouso.

In sala pesi, ma anche quando ci si allena con lezioni di gruppo, si toccano attrezzi, pesi, tappetini che sono venuti a contatto con tante altre persone. A cosa bisogna stare attenti? 

Il virus sopravvive poco sulle superfici, quindi non ci sono rischi particolari ma valgono le regole di igiene che andrebbero seguite sempre, a prescindere dal coronavirus. Quindi, per prima cosa, una persona che. starnutisce e ha sintomi influenzali non deve andare in palestra. Questa è una raccomandazione che faccio soprattutto ai giovani che spesso sono più ossessionati dalla forma fisica e quindi trascorrono più tempo in palestra ma poi sono anche soggetti che sopportano meglio i vari disturbi simil-influenzali e magari si allenano lo stesso. Invece, per precauzione e anche per buon senso è bene non andare in palestra, se si ha qualche sintomo. In tutti gli altri casi, chi sta bene e vuole allenarsi può farlo ricordando di usare sempre l’asciugamano personale prima di stendersi sul tappetino o su un attrezzo. Forse questi avvenimenti possono essere l’occasione per ‘rispolverare’  le precauzioni igieniche da seguire sempre.
 

Chi pratica un’attività aerobica o un allenamento ad alta intensità che prevede un aumento del battito cardiaco e una respirazione affannata, può contagiarsi attraverso il respiro o il sudore degli altri che si allenano nella stessa sala? 
No, il sudore non può essere fonte di contagio e neppure l’affanno o la respirazione degli altri, se non ci sono colpi di. tosse o starnuti. E poi resta la regola della distanza che dovrebbe essere di almeno un metro e mezzo ma questo specie nelle zone in cui è presente il virus. Quindi, il problema è l’affollamento della sala in cui ci allena.

Allenarsi in piscina espone a meno rischi perché c’è il cloro?

Sì, la presenza del cloro può rappresentare un fattore protettivo e infatti viene utilizzato per uccidere gli agenti contaminanti. Perciò, se vengono rispettate diligentemente le norme base di ogni piscina, e se le persone evitano di andare nelle stesse in condizioni di salute precaria, non vi è pericolo di contagio, alle condizioni attuali. Naturalmente bisogna sempre fare la doccia sia prima che dopo essere entrati in piscina.

Per precauzione meglio allenarsi all’aria aperta? 

Senz’altro, l’attività sportiva all’aria aperta elimina i problemi legati al sovraffollamento e alla circolazione di virus al chiuso. Quindi, in questo periodo può essere meglio farsi una corsa al parco visto che tra l’altro abbiamo anche un anticipo di primavera. Ma comunque, nelle regioni non interessate al momento dal contagio, non si corre nessun rischio frequentando le palestre. Dal canto loro, queste strutture potrebbero attrezzarsi posizionando all’ingresso dei dispenser di Amuchina. o altri disinfettanti per lavarsi le mani e preparare la cartellonistica con le disposizioni del ministero della Salute per ribadire l’importanza delle norme igieniche.

 

Coronavirus palestra prevenzione

Continuate seguirci su Men’s Enjoy 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui