Cari lettori di Men’s Enjoy tanti sono i malumori e le polemiche che sta sollevando la clamorosa decisione di Dazn di eliminare la possibilità per i propri clienti di assistere in contemporanea su due dispositivi diversi alle dirette dei match di Serie A. dazn doppia utenza

Il Sole 24 Ore ha diffuso la non lieta notizia per molti utenti, secondo la quale la società sarebbe in procinto di comunicare ai propri abbonati il cambiamento e che entro 30 giorni potrebbero avvalersi della facoltà di recedere dal contratto stipulato.

Tutta colpa della pirateria e della svalutazione dei diritti tv della Serie A dazn doppia utenza

È molto probabile che già da metà dicembre la piattaforma che ha acquisito i diritti del massimo campionato italiano per il triennio 2021-2024 renderà effettiva la modifica. Secondo alcune indiscrezioni la ragione è per contrastare il fenomeno della pirateria, in maniera tale che le seconde utenze in contemporanea con vengano utilizzate allo scopo di incentivare l’utilizzo fraudolento degli accessi a Dazn. A proposito di questo fenomeno dai dati interni della piattaforma si sarebbe riscontrato un 20% di media di utilizzi fraudolenti della “doppia utenza contemporanea”.

L’altra ragione che avrebbe spinto la società a rivedere le condizioni del servizio è il nodo legato alla riduzione del valore dei diritti televisivi: decremento causato proprio dalla pirateria. Inoltre la decisione sarebbe stata accolta con grande favore da parte della Lega di Serie A e dai presidenti dei club, ecco spiegato il perché Dazn abbia cambiato improvvisamente direzione solo appena due mesi e mezzo dall’inizio del campionato.

Il Codacons a fovore dei consumatori

Tra i problemi principali per gli abbonati spicca quello relativo a coloro i quali hanno sottoscritto un abbonamento tramite terze parti e sarebero impossibilitati a recedere dal contratto, salvo interventi speciale da parte delle autorità competenti.

Sulla questione è immediatamente intervenuto il Codacons che ha deciso di presentare un esposto all’Agcom e all’Antitrust affinché si accerti la correttezza dell’operato della società. Nel comunicato diffuso qualche ora fa si legge: “Se sarà confermata la decisione di Dazn di modificare unilateralmente le condizioni contrattuali e bloccare l’accesso ai contenuti in contemporanea da due device, si potrebbe profilare un danno per quegli utenti che hanno attivato abbonamenti sulla base di condizioni su cui ora Dazn fa marcia indietro“.

Se da un lato è comprensibile l’esigenza di combattere la pirateria, – sottolinea il Codacons – dall’altro è innegabile che modificare le regole del gioco dopo che gli utenti hanno accettato le condizioni proposte dalla società e siglato gli abbonamenti potrebbe configurare una violazione delle norme civilistiche e del Codice del Consumo, con una conseguente lesione dei diritti dei consumatori”.

Il comunicato si conclude con l’annuncio dell’esposto a Agcom e Antitrust affinchè venga aperta: “Un’istruttoria sul caso e, se confermata la decisione di Dazn, accertino la correttezza dell’operato della società sanzionando qualsiasi violazione delle disposizioni in tema di contratti“.

E voi cari lettori cosa ne pensate? Lasciate un commento!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui