Remedy Entertainment, il team di sviluppo originale di Max Payne, ha annunciato ufficialmente lo sviluppo dei remake primi due capitoli della serie in collaborazione con Rockstar Games.

A febbraio 2022 il CEO di Take-Two Strauss Zelnick, in una riunione con gli azionisti,.aveva espresso interesse a rivisitare le vecchie IP, utilizzando le immagini di Max Payne 3 come esempio. Secondo quanto riferito, durante tale presentazione erano presenti anche immagini di L.A. Noire e Midnight Club.

L’originale Max Payne venne rilasciato nel 2001, mentre il suo sequel, The Fall of Max Payne, venne pubblicato nel 2003. Rockstar Games, l’editore dietro Max Payne 2, sviluppò un terzo capitolo della serie che venne rilasciato nel 2012. Il capitolo in questione non vedeva più coinvolti gli autori originali, seppur Remedy Entertainment abbia supervisionato il videogioco.

Max Payne, annunciati i remake

Senza offrire molto dettagli, Remedy ha annunciato i remake di Max Payne e Max Payne 2: The Fall of Max Payne. Lo studio collaborerà con Rockstar Games per portare a termine il progetto, e i due remake verranno rilasciati come titolo singolo per piattaforme PC, PS5 e Xbox Series X/S. Il motore proprietario Northlight di Remedy verrà utilizzato per lo sviluppo dei remake di Max Payne e Max Payne 2.

Tale motore di gioco era già stato utilizzato da Remedy in Quantum Break del 2016 e Control del 2019, i quali si sono entrambi dimostrati esemplari in termini di grafica e prestazioni. Northlight darà vita anche al tanto atteso Alan Wake II, sequel del gioco uscito per Xbox 360 nel 2010 e che recentemente ha avuto una remastered rilasciata per Microsoft Windows, PlayStation 4, Xbox One, PlayStation 5, Xbox Series X/S

I remake di Max Payne sono in sviluppo per PC, PlayStation 5 e Xbox Series X/S. Attualmente non è stata ufficializzata una data di uscita.

E voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento e continuate a seguirci su Men’s Enjoy!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui